Banche, Stress Test E Caso Italia

Le banche europee tengono, ma in Italia diversi Istituti fanno fatica

Pubblicato il: 7 settembre 2016 | Categoria: EconoMia
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ... Loading ...

Stress test e il caso Italia. Eh sì, sul tavolo del sistema bancario europeo ed internazionale restano aperti, in particolare, questi due dossier, con esito molto diverso, almeno, per ora.
Il timore delle istituzioni europee è, da sempre, quello che una mancanza di liquidità delle banche del Vecchio Continente, possa generare una spirale di vendite in Borsa e che, quindi, questa situazione possa generare un effetto a catena sui listini di mezza Europa.

Da questo punto di vista però, se guardiamo al Cet1 (il valore che indica in maniera aggregata il livello di solidità), rispetto a due anni fa, il valore medio è in salita.

Acquisizioni, riforme e cessioni varie, insomma, hanno consentito al sistema di reggere il passo, in un periodo non semplice.

Più complesso e articolato, invece, il caso Italia. Il nostro Paese infatti presenta istituti bancari in ottima salute (Mediolanum e Intesa su tutti) ed altri in evidentissime difficoltà (Mps). Non si tratta quindi solo e tanto di un rischio “paese”, ma piuttosto di ritardi nei processi di riforma di istituti pur importanti e, comunque, rilevanti ai fini degli andamenti di Borsa

Per chi volesse approfondire ulteriormente l’argomento segnalo questi due approfondimenti:

Stress Test

Banche e tagli

Alla prossima

(Questo post, come tutti quelli presenti in questo sito rispecchia le opinioni di Fabrizio Tiburzi e non necessariamente quelle di Banca Mediolanum)