Dicembre, Bilanci E Previsioni

Cosa dobbiamo aspettarci per l’anno che verrà? Quali sono gli eventi che potranno colpire il nostro patrimonio, nel bene e nel male? Un puzzle con tanti pezzi

Pubblicato il: 21 dicembre 2016 | Categoria: EconoMia
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ... Loading ...

Il mese di dicembre è storicamente dedicato ai bilanci relativi all’anno passato e alla programmazione di quello che si sta per aprire. E’ così anche per risparmio e investimenti.
Cosa dobbiamo aspettarci per l’anno che verrà? Quali sono gli eventi che potranno colpire il nostro patrimonio, nel bene e nel male? Un puzzle con tanti pezzi:

- Effetto Brexit: il processo di allontanamento dalla Ue è in divenire e, quindi, tutt’altro che completato. Gli effetti di medio termine sono ancora sotto la lente degli investitori.
- Presidenza Trump: non è ancora formalmente insediato, ma il nuovo presidente Usa fa già discutere. Tutto da costruire il rapporto con Cina e Russia, l’incognita terrorismo pesa come un macigno sui capitoli di spesa. L’annunciata riforma fiscale impatterà positivamente su quotazione del dollaro e mercato del lavoro?
- Tenuta Eurozona: il capitolo più scottante. L’unione politica scricchiola, quella economica non sembra decollare. Le tensioni interne potrebbero farsi sentire pesantemente, rispetto alla quotazione dell’euro
- QE: il meccanismo voluto da Draghi non si è ancora inceppato. Tuttavia ha ricevuto critiche frequenti dalla Germania e potrebbe interrompersi, proprio qualora venisse meno il sottostante rapporto di fiducia
- Salari: la tendenza degli ultimi anni, che ha portato ad una compressione dei salari sembra non avere fine, specie in Europa. Si tratta di una variabile importante per valutare la possibile ripresa della domanda interna e aggregata
- Tassi di interesse: la tendenza non può che essere al rialzo, dopo anni ai minimi storici. Dollaro, oro, petrolio e Borse restano alla finestra in attesa di posizionarsi.

Quindi, cosa possiamo fare? Per prima cosa diversificare le valute, i mercati, le aree geografiche e l’asse temporale di investimento. Dopo di che….godiamoci le vacanze !!!!

Alla prossima
Fabrizio