Investimenti, Emotivitá E Brexit

La sostenibile pesantezza del Brexit

Pubblicato il: 27 giugno 2016 | Categoria: EconoMia
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ... Loading ...

Brexit. Questo nome si sta imponendo nella nostra agenda quotidiana. In un primo momento si può rimanere sgomenti per questo scenario che in pochi si aspettavano e rispetto al quale i mercati stanno cercando una stabilità, dopo le prevedibili  manifestazioni di  volatilità (il Giappone ha chiuso per primo con  una forte oscillazione)e l’ Europa ha iniziato  con ribassi marcati. Tutto questo impatta sugli speculatori, su coloro che comprano e vendono quotidianamente facendo del proprio risparmio una scommessa, su coloro che utilizzano comportamenti emotivi e presi dal panico svendono i propri investimenti.

L’economia è caratterizzata da queste situazioni. Da sempre, ben prima del Brexit.  Ancora una volta mi permetto di TRANQUILLIZZARTI  dicendoti che la storia ci insegna come questi momenti vengano assorbiti e superati. L’Inghilterra non ha la moneta unica, ha una sua banca centrale, non aderisce a shengen, non contribuisce come gli altri paesi dell’Unione pur avendo diritti non indifferenti come il diritto di veto. Detto questo l’uscita dall’EU è meramente commerciale e di questo saranno gli inglesi a subire le maggiori perdite, ma anche in quel mercato la situazione si assesterà.
Così è stato anche per la crisi americana, prima ancora con le torri gemelle, prima ancora con la crisi petrolifera e via dicendo….mantenere la calma consapevoli del fatto che i mercati nel lungo termine producono SEMPRE rendimenti mentre nel breve reagiscono emotivamente ai cambiamenti.
Vivi questi momenti col giusto distacco.
Perdona il lungo messaggio ma sentivo il bisogno di dare una corretta interpretazione della notizia evitando che siano i media a sconvolgere i nostri comportamenti.
L’emotività è la peggiore nemica del risparmio.  In questo momento ricordo sempre quello si dice spesso negli Stati Uniti: Se non sei disposto a tenere un’azione per i prossimi 10 anni non dovesti tenerla neppure per i prossimi 10 minuti.