Coaching E La Ricerca Della Felicità

Cosa fa davvero un coach? Tra pausa, ascolto e ricerca dell'energia positiva

Pubblicato il: 23 marzo 2016 | Categoria: Coach
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ... Loading ...

Uno degli scopi del coaching è anche quello di aiutare le persone a trovare un modo per avvicinarsi alla felicità.

Cosa fa il coach?  Non giudica mai. 

Il primo step lo dedica ad ascoltare le persone, sospendendo la sua naturale tendenza a giudicarle. Si pone in un atteggiamento di apertura, rispecchiando il linguaggio dell’interlocutore, e comincia a cogliere elementi di interesse e divertimento in questa nuova modalità. 
il secondo step ha riguardo su una frase che lo manda su tutte le furie “Non si può fare”.  Prima un respiro profondo, e poi stimola la ricerca di nuove soluzioni, valorizzando in modo esplicito le persone, invitandole a mettersi in gioco per favorire la loro crescita, e l’indipendenza.
Questo fa il coach.

Cosa altro fa il coach ?  Gestisce della rabbia.

Non si combatte, ma l’accoglie come una forte energia e l’ha interroga. L’insofferenza nasce dalla sensazione di perdere tempo e rallentare il raggiungimento degli obiettivi prefissati. In realtà si è rende conto che rallentando il passo calibra meglio il lavoro di tutti e non c’è più bisogno di tornare indietro e rivedere dei passaggi, come capitava prima.

Davanti a situazioni conflittuali, impara a mantenere un distacco emotivo. Anche in questo caso, smette di opporsi a ciò che lo contrariava, scoprendo il valore di accogliere le situazioni, senza respingerle, focalizzando le priorità ed esprimendo con assertività il proprio punto di vista.

Il suo antidoto è lavorare sulla pazienza. Ha scoperto la magia della pausa, della riflessione, dell’ascolto attivo, senza interferenza e, paradossalmente, si è reso conto che rallentando ii suoi tempi ottiene risultati migliori di prima e più velocemente, senza correre e con minore stress.

Rispetto alla ricerca della felicità e di energia positiva vi segnalo questo interessante articolo sulla ricerca della felicità

(Questo post, come tutti quelli presenti in questo sito, rispecchia le opinioni di Fabrizio Tiburzi e non necessariamente quelle di Banca Mediolanum)