Lavoro, Tempo E Vita: Questione Di Fattori

Lavoro stressante e un ambiente ostile sono killer silenziosi

Pubblicato il: 12 settembre 2016 | Categoria: Coach
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ... Loading ...

Un cartone animato di successo di qualche tempo fa, cominciava con questa frase: “Velocità, sono un concentrato di velocità”. Una frase figlia del suo tempo. La società odierna ci spinge a fare e dare sempre di più. Spesso comprimendo gli spazi della giornata destinati al riposo. Con effetti negativi sullo stato fisico e mentale. In un loop dove è sempre più labile il confine tra casa e lavoro. Tra affetti e professione. Alcune ricerche, uscite in questi giorni, squarciano il velo su questa realtà di cose, fornendo importanti dati scientifici a supporto.

Un ricercatore dell’Università di Oxford, ha lanciato una campagna per cancellare l’abitudine di andare in ufficio troppo presto. Dai risultati, emerge come incominciare a lavorare prima delle 10 del mattino possa provocare stress e stanchezza, incidendo in maniera significativa su una diminuzione della produttività complessiva.

Ancora una volta, orario lungo non vuol dire maggiore guadagno e motivazione. Anzi. Alla questione orario si aggiunge quella dello stress.

Un ambiente di lavoro ostile e stressante può ridurre in modo significativo la nostra aspettativa di vita. A dirlo è un gruppo di ricercatori della Harvard University e della Stanford University, che hanno quantificato gli anni che ci verrebbero portati via. Sarebbero 33: un arco di tempo molto vasto che si riduce per determinate categorie sociali, meno a rischio di altre.

Tempi di vita e di lavoro sembrano essere, troppo spesso, cose distinte e distanti. Distanza che va colmata prima possibile.

In allegato le ricerche che vi segnalo.

Alla prossima.

Fabrizio

Al Lavoro dopo le 10

Lavoro stressante e aspettative di vita

(Questo post, come tutti quelli presenti in questo sito rispecchia le opinioni di Fabrizio Tiburzi e non necessariamente quelle di Banca Mediolanum)