Titoli Di Stato: Cosa Cambia Davvero

Una guida ragionata all'investimento nei "nuovi" titoli di Stato

Pubblicato il: 31 ottobre 2014 | Categoria: Economia
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ... Loading ...

Cacs e Bail: parole che saranno sempre più di moda nei mesi.

Il primo ci informa (gazzetta ufficiale num.294) che lo Stato italiano ha inserito delle modifiche SOSTANZIALI relative al pagamento dei titoli di Stato.
In qualsiasi momento, qualora lo Stato avesse dei problemi, può:

- cambiare la data del pagamento del titolo (invece di rimborsarti il titolo oggi lo rimborso tra………)
- effettuare la riduzione di qualsiasi ammontare
- effettuare il cambio del metodo di utilizzo per calcolare l’ammontare
- effettuare la riduzione del prezzo di rimborso
cambio di valuta
- decidere l’imposizione di qualsiasi condizione
- decidere la modifica di qualsiasi circostanza relativa ai pagamenti del titolo
- definire la modifica dell’ammontare nominale del titolo

In buona sostanza, non siamo più proprietari del nostro titolo di Stato.

Il secondo termine ci segnala per l’esattezza: in caso una banca Ue si dichiari insolvente soci, creditori e correntisti copriranno fino all’8% delle sue passività. Azionisti e sottoscrittori di bond possono perdere fino al 100% di quanto investito. Mentre sul fronte correntisti in linea di principio l’onere toccherà prima alle grandi aziende, poi ai correntisti individuali e infine alle pmi. Con una certezza: i depositi sotto i 100 mila euro a chiunque appartengano non verranno toccati……PER ORA !!!!

Parola d’ordine DIVERSIFICARE