La Banca Del Futuro

Come sarà la banca del futuro? Tra Reti E Rete

Pubblicato il: 4 agosto 2016 | Categoria: Finanza
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ... Loading ...

Banche, acquisizioni, il fondo Atlante e le aspettative di investitori e risparmiatori. Questa calda estate ha riservato non poche novità al comparto bancario. Su questo sito abbiamo parlato spesso degli effetti del cosiddetto Bail-In e di come sia necessario ripensare, in particolare, il rapporto tra banca e risparmiatori, ma non solo.

Possiamo dirlo: è dal 1999, e precisamente da quel Gramm-Leach-Bliley Act, la legge che in Usa ha abrogato le disposizioni del Glass-Steagall Act del 1933 che prevedevano la separazione tra attività bancaria tradizionale e investment banking, che il settore bancario non si trovava innanzi ad una sfida così importante, soprattutto in termini di credibilità, la nuova moneta.

Gli stress test sono solo un indicatore di una situazione più ampia e variegata. E’ un fatto invece che, come ha detto più volte Ennio Doris, le banche in salute non sono molte. Non ne resteranno molte, ad essere precisi. I processi di acquisizione e di aggregazione ci sono e continueranno. E’ un processo che si è messo in moto da tempo e che è assolutamente fisiologico.

La banca del futuro è soprattutto reti (intese come gruppo di persone e professionisti che rappresentano la banca ma che sono la vera “prima linea” nei confronti dei risparmiatori. Il loro benessere e quello della banca sono strettamente legati alla fiducia riposta in loro dai risparmiatori/clienti)

La banca del futuro è soprattutto Rete (intesa come Rete internet e quel rapporto “diffuso” tra banca e cliente. Il cliente si muove e la banca deve muoversi con lui. Essere sempre fruibili in qualsiasi condizione fa tutta la differenza del mondo. La velocità di accesso ai servizi sarà la vera cartina di tornasole di ogni istituto bancario. Non si tratta solo di “andare online” o di “essere online”, ma di essere percepiti realmente come un punto di riferimento nella gestione del risparmio online. Che davanti al pc ci sia la massaia o l’imprenditore non fa nessuna differenza.

La banca del futuro (e forse del presente) è davvero tutta qui.

(Questo post, come tutti quelli presenti in questo sito rispecchia le opinioni di Fabrizio Tiburzi e non necessariamente quelle di Banca Mediolanum)