Asta BOT e Euro debole: istruzioni per l’uso

Lo Stato siamo noi, ma anche no. Quando si tratta di rendimenti, una buona notizia per i conti pubblici può rappresentare un problema per il portafoglio privato

Pubblicato il: 2 giugno 2014 | Categoria: Un po' di Sole
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ... Loading ...

Come ci segnala anche il Sole 24 Ore, dobbiamo registrare ancora un ribasso per i titoli di stato a sei mesi, dove il rendimento è sceso allo 0,49% lordo. Una buona notizia per il paese, un po’ meno per i risparmiatori.

Anche l’euro in ribasso nei confronti del dollaro… arriveremo ad un confronto un po’ più normale?
Ancora non è dato saperlo. Tuttavia si tratta di fattori indubbiamente correlati, con i quali bisogna inevitabilmente fare i conti in fase di programmazione dei propri investimenti.

Ancora una volta, appare chiaro come affidarsi troppo alle fluttuazioni valutarie può creare più di qualche problema, mentre il restringersi dei margini operativi costringe comunque a guardare altrove. A mio parere, comunque, la via maestra resta sempre della diversificazione del portafoglio e, quindi, della suddivisione del rischio, sia a medio che lungo termine. Poi resta il nodo delle politiche operate dalle banche centrali, ma quella è un’altra storia.